+39 0472 756861
Agriturismo GAMPERHOF - Barbiano
Gamperhof_Schwimmbad Gamperhof_Barbian Zimmer in Barbian Kinder auf dem Bauernhof Urlaub auf dem Bauernhof Agriturismo Valle isarco Gamperhof Barbian Brixen Barbian Schwimmbad
Benvenuti in Alto Adige
Gentili ospiti!

Arrivate da lontano, avete fatto un viaggio faticoso e, probabilmente, avete alle spalle una vita quotidiana ancor più faticosa ...
Entrate, staccate la spina e non pensate più alle cose spiacevoli che accompagnano la vita di tutti i giorni. Respirate aria pulita, godetevi questa pace e questa tranquillità. Date uno sguardo a questo meraviglioso panorama nella Valle Isarco con lo Sciliar, Catinaccio e approfittate di tutte le opportunità che Vi offriamo.

Saremo lieti di aiutarvi a immergervi completamente in questa meritata vacanza. Lasciatevi tutto alle spalle e godetevi a pieno questo meraviglioso paesaggio e tutto quello che Vi può offrire.

Un augurio di tranquillità e riposo
dalla Famiglia Rabanser
Agriturismo Gamperhof
Barbiano/Alto Adige

 

Vivere la vita del maso
Se desiderate provare da vicino la quotidianità del maso, potrete partecipare ai lavori che ogni giorno si svolgono nella nostra fattoria. Può essere un’esperienza molto divertente soprattutto per i bambini, ma di certo non dispiacerà nemmeno agli adulti.

Inoltre, è possibile assistere alla preparazione e alla confezione dei nostri prodotti, come marmellate o sciroppi, oppure al trattamento della frutta secca.

Ma potete aiutarci anche in modo attivo nelle attività all’aperto, come prendersi cura degli animali o lavorare con il fieno. Vi invitiamo, però, soprattutto quando si ha a che fare con gli animali, a tenere una condotta tranquilla e accorta per non infastidirli e ad accedere alla stalla solo se accompagnati da un contadino.

Se siete interessati a partecipare a qualche attività, comunicatelo a colazione alla padrona di casa.
La padrona di casa è sempre a vostra completa disposizione anche per informazioni su Barbiano e dintorni, per consigli escursionisti e altro ancora. Vi invitiamo anche a consultare la ricca offerta di materiale informativo disponibile nella sala della prima colazione.

Il lavoro nella fattoria

Come già ricordato il maso Gamper è una tipica fattoria con animali.
Ciò significa che ogni giorno, all’alba e al tramonto, occorre dare da mangiare e mungere le vacche. Per voi, questo significa anche avere ogni giorno in tavola del buon latte fresco, sano e ricco di preziose sostanze nutritive.

Il foraggio per gli animali va raccolto nel corso dell’anno. In genere iniziamo con il primo taglio dei prati a metà maggio. Il fieno viene falciato. Il secondo taglio viene fatto 4-6 settimane dopo, a seconda delle condizioni atmosferiche. E si prosegue di questo passo fino a fine ottobre.
Il bestiame giovane raggiunge l’alpeggio all’inizio dell’estate e vi resta più o meno fino alla “Heilig Kreuz“ (14 settembre). Successivamente fino alla festa di “Ognissanti“ (1° novembre) viene fatto pascolare su prati a quote più basse. Si tratta di un momento molto importante per lo sviluppo e per la buona salute degli animali.
In autunno si colgono le susine, che verranno trasformate in deliziose marmellate. Poi inizia il periodo in cui cadono noci e castagne, che vengono raccolte e vendute.

Verso la fine dell’autunno e in inverno è tempo di fare legna e prepararla da ardere nel periodo freddo.

In primavera i prati vengono liberati dal fogliame caduto nell’autunno precedente e successivamente concimati, affinché l’erba riceva nuove sostanze nutritive importanti per la crescita.




 

Mangiare e bere al maso Gamper
“Mangiare e bere uniscono corpo e anima “ dice un vecchio proverbio. Noi desideriamo viziarvi anche sotto questo aspetto:
Prima colazione: viene servita ogni giorno dalle ore 8 alle 10 (previo accordo, anche prima o dopo).

In questo intervallo di tempo, la padrona di casa è a vostra disposizione per parlare, dare informazioni e qualche suggerimento per programmare un’escursione.
Per colazione vi proponiamo caffè, tè, latte o cioccolata; panini bianchi o pane integrale, salumi, formaggio, crema al cioccolato, miele, burro, marmellate fatte in casa e yogurt.
Nella sala colazione è a vostra disposizione un frigorifero con congelatore, dove potete riporre cibo o bevande.


la nostra posizione
Prima colazione
Marmelate fatte in casa
Camera con prima colazione

 

Il tempo libero nel agriturismo
Grazie alla sua ubicazione particolarmente fortunata, il nostro agriturismo rappresenta un ottimo punto di partenza per brevi o lunghe passeggiate, per escursioni più o meno impegnative in Barbiano e sul Renon. Si può partire direttamente dalla casa, senza che sia necessario prendere la macchina.

Se ogni tanto preferite trascorrere una giornata di assoluta tranquillità, potrete distendervi sul prato vicino alla piscina, magari in compagnia di un buon libro, o semplicemente a prendere il sole. Se desiderate rinfrescarvi, a vostra disposizione c’è la piscina. E così potrete trarre forza e ispirazione per le escursioni dei giorni successivi.

Per i più piccoli, è stato allestito uno spazio-gioco, dove giocare e divertirsi finché si vuole.

Chi usa la piscina e lo spazio-gioco lo fa a proprio rischio.
Se le condizioni atmosferiche non consentissero di stare all’aperto, è sempre possibile utilizzare come soggiorno la sala colazione.
Qui troverete a vostra disposizione libri e giochi di società.

Rilassatevi e godetevi le vostre vacanze in Alto Adige!!


Gallo Rosso
piscina
parco giochi
escursioni

 

 

 

 

La storia del maso Gamper - Agriturismo
Il maso viene citato per la prima volta nel 1420 con il nome di maso “Camper“. Da allora, generazione dopo generazione è appartenuto sempre ai membri della famiglia Rabanser. Gli antanati che entrarono in possesso del maso a quei tempi, in realtà venivano dal maso di Rabanz, nella località di San Pietro/Laion, Alto Adige.

La vecchia struttura del maso è andata distrutta in un incendio il 21 febbraio 1991 e l’anno successivo è stata ricostruita la struttura grezza del precedente edificio.

L’attuale proprietario, Konrad Rabanser, ha ricevuto il maso dalla madre nel 1997. Nel 1998 ha sposato la moglie Doris e nel 2003 è nata la piccola Stefanie, nel 2011 è nato Thomas, il più giovane figlio della famiglia.

La struttura è una classica fattoria con animali, ciò significa che i principali profitti derivano dalla vendita del latte prodotto dalle vacche.
Nella primavera del 2005 è iniziata la costruzione delle camere per vacanza con prima colazione. Al termine dei lavori, nella Pasqua del 2006, è stato possibile accogliere i primi ospiti.

 

Prezzi e informazioni
Apertura e prezzi - Agriturismo e B&B

Il nostro maso apre il sabato prima di pasqua (una settimana prima) fino alla fine di Ottobre.
Per tutto il periodo 2019 valgono i seguenti prezzi:
Adulti 27,00 € camera con prima colazione
Bambini fino a 10 anni nella camera dei genitori -30 %
fino a tre pernottamenti 29,00 € per persona camera con prima colazione
Una notte 32,00 € per persona camera con prima colazione

Ai prezzi indicati va aggiunta l`imposta di soggiorno di 1,15 € a persona e giorno (a partire dai 14 anni)

I prezzi comprendono i seguenti servizi:
Prima colazione
Biancheria
Uso della piscina
Parcheggio
WIFI
Per motocicliste è a disposizione un parcheggio chiuso
Camera con prima colazione
Camera con prima colazione
caemra

 

Vivere la natura con tutti i sensi
Il vento freddo del mattino, l’odore pungente del fieno, il sapore fresco del latte appena munto. Sono tutte cose che rendono impareggiabile una vacanza.

Vi invitiamo a immergervi nella nostra terra, a prendere coscienza di tutte queste impressioni e della sensazione di pace che le accompagna, affinché ve ne possiate nutrire una volta tornati alla vita di tutti i giorni.
Quando è stata l’ultima volta che avete sperimentato la tranquillità maestosa di un albero secolare? Venite a visitare il nostro castagneto. La tranquillità emanata da questi alberi avrà un effetto molto rilassante su di voi.

L´orto del nostro maso: qui troverete diverse piante aromatiche come salvia, prezzemolo, erba cipollina, melissa, menta e lavanda. Ma anche fragole, lamponi, ortaggi e fiori di stagione.
L’autunno è il periodo della frutta. I nostri susini in autunno producono i frutti migliori, che saremo lieti di condividere con Voi. In un cesto nel soggiorno troverete la frutta colta da noi.
Gli animali del nostro maso: gatti, conigli, porcellini d’india... tutti gli animali sono una buona compagnia.
Nostra figlia Stefanie vi mostrerà con piacere i nostri animali e, se lo desiderate, potrete aiutarci ad accudirli.
agriturismo
conigli
valle isarco

 

Barbiano e dintorni
Chiesa parrocchiale di Barbiano
La chiesa è stata costruita negli anni 1874-77 in stile neoromanico ed è rimasta inalterata sino ad oggi. Molti si interrogano sulla causa della forte pendenza della torre: metà delle fondamenta poggiano su un massiccio di fillade quarzifera, la metà a valle, invece, poggia sul terreno instabile della montagna (L’Ing. Fulvio Pisetta è riuscito ad assicurare la stabilità della torre, della chiesa e della nuova strada).

è consacrata a San Ingenuino. Essa compare per la prima volta nelle citazioni nel 1398. La chiesa è molto apprezzata dagli intenditori e amanti dell’arte. Nel 1925 fu colpita da un incendio e fu ricostruita grazie alle offerte.

Tre Chiese
Tra il XIII e il XVI, in una piccola radura, sorsero tre piccole chiese, inserite una dentro l’altra. I visitatori avranno il piacere di ammirare trittici gotici e ricchi affreschi. Le chiavi sono custodite presso l’albergo Messner. Informazioni tel. 0471 650059.

Castel Trostburg a Ponte Gardena
Grande castello edificato sul finire del XII secolo. Nel XVII fu trasformato in fortificazione. Qui crebbe il famoso poeta medievale Oswald von Wolkenstein. Visite guidate: da giovedì santo fino a fine ottobre alle 11.00, alle 14.00 e alle 15.00, luglio e agosto anche alle 10.00 e alle 16.00.

Museo civico di Chiusa
Sono in mostra oggetti sacri, come il Tesoro di Loreto; inoltre ospita anche esposizioni di numerosi artisti. Orari di visita: da marzo a metà novembre: 10.00 – 12.00 e 16.00 – 19.00. Domenica e lunedì chiuso. Visite guidate della città solo su prenotazione presso l’Associazione Turistica – tel. 0472 847424

Abbazia di Novacella
Pinacoteca e biblioteca. La biblioteca è del 1775 con arredi rococò, esposizione di manoscritti medievali. Chiesa conventuale romanica.
Visite guidate: lunedì – sabato alle 10.00,
11.00, 14.00, 15.00, 16.00. Informazioni e prenotazione gruppi tel. 0472 836189

Duomo di Bressanone
Costruzione risalente al periodo degli Ottoni, trasformata in chiesa romanica nel 1200. Fu ricostruita in stile barocco negli anni 1745 – 1754. Chiesa parrocchiale San Michele = XIV secolo.

Chiostro a Bressanone
Costruzione del periodo romanico con volte del XIV secolo, affreschi del XIV e XV secolo.

Palazzo vescovile a Bressanone
Dal XIII secolo. Museo diocesano e museo dei presepi – mostra provinciale Arte religiosa del medioevo e dell’età moderna, presepi e storia della salvazione. Orari di visita: da marzo a ottobre, 10.00 – 17.00.

Tesoro del Duomo a Bressanone
Costituito da stoffe pregiate, busti in argento gotici e barocchi (ingresso dal Chiostro o da via Albuino).

I giardini botanici del Castello Trauttmansdorff a Merano
e il Touriseum (il Museo del turismo)
Al Castel Trauttmansdorff, dove una volta passeggiava la principessa Elisabetta d’Austria, meglio nota come Sissi, si estende oggi il rigoglioso giardino botanico con più di 100.000 piante di 3.000 specie diverse, il Giardino Giapponese, la Casa delle orchidee e il Mosaico geologico, Grotte con spettacolo multimediale di diapositive. Inoltre 11 bersò, giardini, giardini terrazzati, giochi d’acqua, giardini boschivi e paesaggi altoatesino. Orari di apertura da marzo fino a metà novembre dalle 9.00 alle 18.00. Visite guidate per gruppi su prenotazione. Tel. 0473 235730

Museo di Ötzi a Bolzano
Via Museo 42, La mummia è esposta nel centro del museo. Addentratevi nella ricostruzione della vita primitiva, osservando gli abiti e gli attrezzi esposti. Orari di apertura: aperto tutto l’anno da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00. Visite guidate solo su prenotazione (per gruppi di minimo 15 persone). Tel. 0471 982098

Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige a Bolzano
Via Bottai 1, tel. 0471 412960. Aperto tutto l’anno, da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00.

Castel Roncolo a Bolzano
Si trova all’inizio della Val Sarentino. Aperto da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00. Il ristorante del castello è aperto dalle 12.00 alle 18.00.

Castel Presule – Fiè
È il punto di incontro degli amanti dell’arte di tutta la provincia. Incontri con autori letterari e concerti. Visite guidate da inizio aprile fino a ottobre alle ore: 11.00, 14.00, 15.00. Sabato chiuso. Nei mesi invernali si effettuano visite guidate su prenotazione – tel. 0471 601062

Osservatorio astronomico “Max Valier” – Gummer
Visite guidate tutto l’anno, ogni giovedì. Necessaria la prenotazione presso l’Associazione Turistica di Collepietra. Tel. 0471 376574

Cascate di Stanghe – Vipiteno
Le cascate di Stanghe nella Valle di Racines offre un impressionante spettacolo naturale.

Museo delle miniere di Monteneve – Ridanna
Già nel 1235 la buona qualità dell’argento, estratto dal Monteneve è citata nel libro notarile. Nel 1980 l’attività della miniera è cessata completamente. Museo, visita interattiva con cunicoli in cui si vede il lavoro dei minatori, impianti di lavorazione dei minerali e sale mostra. Orari di apertura da Pasqua a metà novembre. Visite guidate: alle 9.30, 11.00, 13.30, 15.00. Prenotazione gruppi – tel. 0472 656364. Lunedì chiuso.

Museo del Vino a Caldaro
Attrezzi dell’antica tradizione vignaiola. Orari di apertura: da martedì a sabato dalle 9.30 alle 12.00, 14.00 – 18.00, domenica e giorni festivi dalle 10.00 alle 12.00. Lunedì chiuso.
Informazioni per visite guidate al numero tel. 0471 963168

Castel Velturno a Velturno
Restaurato di recente, il castello fu la residenza estiva dei Principi Vescovi di Bressanone. Aperto ai visitatori e visite guidate da marzo fino a fine novembre alle 10.00, 11.00, 14.30 e alle 15.30. Gradita la prenotazione per i gruppi: tel. 0472 855525

Museo del Loden a Vandoies
Mostra la storia e la produzione del tessuto tradizionale Loden, ci sono anche animali in recinto e museo interattivo. Si trova direttamente sulla strada della Pusteria. Da lunedì a sabato dalle 9.00 alle 17.30. Visita guidata per gruppi su prenotazione: tel. 0472 868540

Monastero di Sabiona
Archeologia, storia, arte. Entrata libera. Prenotazioni presso l’Associazione Turistica di Chiusa, tel. 0472 847424

Museo locale di Gudon
Espone oggetti di vita quotidiana e di lavoro della civiltà contadina e manufatti dell’arte locale. Aperto tutti i giorni. Visite guidate per gruppi di max. 10 persone alle ore 11.00. Entrata a offerta libera. Tel. 0472 847424

Mulino storico “Pardellermühle” a Luson
Mulino storico del 1646. Informazioni presso l’Associazione Turistica: tel. 0472 413750

Miniera d’argento di Villandro
1000 m di gallerie e cunicoli all’interno della miniera. Informazioni e prenotazioni presso l’Associazione Turistica di Villandro: tel. 0472 843121

Museo Mineralogico di Tiso
(Casa della Cultura) aperto da metà aprile a inizio novembre. Da martedì a venerdì 10.00 – 12.00 e 14.00 – 16.00, sabato e domenica 14.00 – 17.00; tel. 0472 844522 o 0472 844571

Museo “Plattner” dell’Apicoltura a Costalovara/Soprabolzano sul Renon
Aperto ogni giorno da aprile fino a fine ottobre dalle 10.00 alle 18.00, tel. 0471 345350

Museo degli usi e costumi di Teodone
Tel. 0474 552087. Orari di apertura: da lunedì di Pasqua a fine ottobre, lunedì chiuso.

 

 

Suggerimenti per gite di un giorno
Giro delle Dolomiti : ca. 200 km
Attraverso la Val d’Ega ci rechiamo al Passo di Carezza, ai piedi del Catinaccio e del Latemar. Partenza per la Val di Fassa fino a Canazei, il Passo Pordoi, il Passo Campolongo, Corvara. Proseguiamo per il Passo Gardena attraverso la Val Gardena fino a Ponte Gardena e a Barbiano.

Grande tour delle Dolomiti
Da Ponte Gardena ai Passi della Sella, Pordei, Falzarego, Cortina d’Ampezzo, Lago di Misurina, Dobbiaco, Brunico, Rio Pusteria, Bressanone, Chiusa, Ponte Gardena, Barbiano.
Penegal – Mendola – Lago di Caldaro: ca. 60 km
Il Penegal è una delle cime di tutta l’area alpina da cui si può godere il panorama più interessante e più bello. Si parte da Caldaro e si arriva al Passo Mendola, percorrendo la strada con tornanti della Mendola. Per la stessa strada si torna a Caldaro. Si prosegue per il Lago di Caldaro, Bolzano e a Barbiano.

Renon
Renon è un altopiano vicino a Bolzano. Renon è famoso per le interessanti piramidi di terra, i numerosi sentieri boschivi e soprattutto per la bellissima vista sulle Dolomiti. Si arriva da San Ingenuino, Longostagno, Collalbo, eventualmente si può proseguire per Auna di Sopra, Vanga fino alla Val Sarentino, attraversando il Passo Pennes si arriva a Vipiteno e si ritorna a Barbiano, passando per Bressanone e Chiusa.
Alpe di Siusi con Val Gardena
Il più grande altopiano delle Alpi. L’Alpe di Siusi ha dolci pendii, è circondata da imponenti montagne, in estate è una zona ideale per le escursioni e in inverno è un paradiso per gli sport sulla neve. Si arriva da Ponte Gardena. Al ritorno si va a Castelrotto attraverso il Passo Pinei fino a Ortisei, Ponte Gardena e Barbiano.

Passo delle Erbe ai piedi del Sasso Putia
Da Ponte Gardena, Chiusa, Bressanone, S. Andrea, Eores, Passo delle Erbe, Antermoia, Val Badia fino a San Lorenzo, si torna attraverso la Val Pusteria fino a Bressanone, Chiusa, Ponte Gardena, Barbiano.

Bolzano
Mercato del sabato e visita del museo archeologico.

Merano
Mercato del venerdì: si arriva da Ponte Gardena, Bolzano, Merano. Visita del centro storico e del mercato. Al ritorno si passa dal Monzoccolo, Avelengo, Meltina, San Genesio e di ritorno a Bolzano e Barbiano.

Giro del Lago di Garda : ca. 350 km andata e ritorno
Si percorre l’autostrada del Brennero fino a Rovereto, poi ci dirigiamo a Torbole e alla riva est del Lago di Garda. Al ritorno percorriamo la Valle del Sarca, passiamo per il Lago di Tobolino, proseguiamo per Trento e Bolzano Nord – uscita autostradale – infine Barbiano.

Venezia : ca. 300 km
Da vedere: il Palazzo dei Dogi, Piazza San Marco, il Canale Grande con il ponte di Rialto, la Basilica di San Marco. Si percorre l’Autostrada del Brennero fino a Verona, Padova, Venezia. Al ritorno si attraversa la Valsugana fino a Pergine, Bolzano e Barbiano.

 

Gallo Rosso – dove c’è maso, c’è gusto

Sentire e godersi la bellezza della natura. Non importa, se si tratta di passare alcuni giorni al maso, assaggiare deliziosi piatti caserecci in una “stube” accogliente oppure conoscere gli autentici prodotti agricoli di qualità – il Gallo Rosso è simbolo dell’agriturismo in Alto Adige riunendo “vacanze al maso”, “ristorazione al maso” e “prodotti di qualità dal maso” sotto un marchio ombrello. In questo contesto alla QUALITÀ e alla TRASPARENZA viene attribuita particolare importanza:

La trasparenza della qualità degli alloggi viene garantita attraverso il numero di fiori concessi. Le mescite contadine (Buschenschank e Hofschank) elencate nella guida „Masi con gusto“ sono tutte state controllate e devono seguire certi standard per quanto riguarda l’immagine, l’arredamento e il servizio. Solo i prodotti agricoli di qualità, che riempiono certi criteri di qualità, sono autorizzati a portare il marchio „Gallo Rosso“.
Fate attenzione al “Gallo Rosso”! Chi lo vede, incontrerà qualità, sincerità e ospitalità e vivrà l’Alto Adige nella sua forma più pura.

Marchio ombrello - Alto Adige
Nel settembre 2003 l'Alto Adige ha dato vita al progetto "Marchio ombrello Alto Adige", per permettere al turismo, ai prodotti e ai servizi una forte presentazione comune. I singoli marchi già esistenti sono stati ricongiunti sotto questo tetto comune, senza però rinunciare alla loro identità. Poiché non è questione di uniformità, ma di un transfer reciproco dell'immagine tramite una parentesi visuale e un messaggio comune - Alto Adige.

 

 

Posizione

 

 

Tradizione
Il grembiule blu
Ai turisti salta subito all’occhio il grembiule blu, che i contadini indossano anche nei giorni feriali. Senza il grembiule blu, che arriva fino alle ginocchia, si sentono vestiti a metá. Il grembiule blu é diventato il distintivo dei lavoratori altoatesini ed il suo colore vistoso ravviva la vita quotidiana. Il grembiule é molto pratico e si presta a diversi usi. Spesso viene persino abbellito con un ricamo di fiori o frasi umoristiche.


L’antico mercato di San Bartolomeo a Renon
Il 24 agosto è dedicato a San Bartolomeo che, per martirio, fu scuoiato vivo e i tirolesi chiamano confidenzialmente Bartlmä. La ricorrenza corrisponde ad un importante Lostag e per i contadini di montagna segna l'iniziato dell’autunno. Oggi, se la data corrisponde alla domenica, il mercato ha luogo il giorno successivo. Il luogo prescelto per il grande recinto, che conterrà le mandrie e i cavalli, deve essere raggiunto a piedi: arrivati a Collalbo, infatti, la strada si biforca e, presa quella che conduce al corno del Renon, si sale verso la parte settentrionale dell’altopiano. Giunti alla stazione a valle della cabinovia, è necessario lasciare la macchina nel parcheggio per proseguire a piedi attraverso i prati e i boschi, seguendo la folla.
Giunti alla meta, gli spettatori si posizionano attorno al recinto della malga in attesa degli animali che giungeranno verso mezzogiorno. Per ingannare l’attesa le bande musicali allietano i presenti con musiche folkloristiche. Il corpo musicale è rigorosamente in costume e ogni componente porta sul capo un cappello abbellito da un mazzolino di fiori e la tradizionale piuma.
Verso mezzogiorno giungono gli animali: centinaia di mucche, buoi, tori, manzi e cavalli, attirando l’attenzione di tutti gli spettatori. I pastori mantengono l’ordine tra i capi che confluiscono nel recinto. L’antico mercato di San Bartolomeo ha certamente perso alcune delle sue antiche caratteristiche, ma rimane ancora oggi un appuntamento che non delude gli spettatori giunti a Renon per l’occasione.
This website is using cookies
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue using the site, we\'ll assume that you are happy to receive all cookies on this website.
x